Antonio Barbieri nasce a Rho (MI) nel 1985. Si laurea in scultura all'Accademia di Belle Arti di Firenze nel 2010. Durante gli studi, lavora presso alcuni laboratori artistici approfondendo la conoscenza di tecniche scultoree meno convenzionali. Negli stessi anni, diventa assistente dello scultore e scenografo professionista Cristian Biasci che lo avvia alla Scenografia. Nel 2009 viene selezionato per realizzare il premio Monte dei Paschi di Siena per la manifestazione internazionale Danza in fiera. Vince il premio Fuori 2015, promosso da Fondazione Grosseto Cultura, con residenza artistica a Berlino. Ha esposto a Milano, Spoleto, Benevento, San Gimignano e Montalcino tra le principali. Vive e lavora a Grosseto.

Il suo lavoro propone una riflessione sulla scultura contemporanea che ricerca soluzioni e approcci sempre nuovi alle differenti problematiche legate alla forma, al volume e a quest'ultime in relazione con lo spazio.

Muovendosi tra figurazione e astrazione e tra diversi campi d'indagine la sua produzione eterogenea presenta comunque forti elementi di riconoscibilità e coinvolge l'impiego del ferro, dell'alluminio e di resine sintetiche, come anche di materiali più tradizionali come la terracotta.

I suoi soggetti spaziano dalla reinterpretazione della figura umana allo studio tassonomico del regno vegetale in cui la rielaborazione delle forme attraverso l'utilizzo della modellazione tridimensionale conduce l'artista alla sperimentazione di strutture e organismi variamente articolati in cui però è sempre riconoscibile il riferimento al modello che restituisce ad ogni opera un forte senso di classicità.

PREMI E MOSTRE

2018

Tecnica mista su carta, a cura di Davide Sarchioni, galleria Il Frantoio, Capalbio.

5° Biennale di Viterbo, sez. Orvieto a cura di Isaco Praxolu, Vetrya corporate campus, Orvieto.

 

2017

Ricognizioni. Dai Bocs Art i linguaggi del contemporaneo, a cura di Alberto Dambruoso,

BoCs Art Museum, Cosenza.

Aedes, intervento per Una Vetrina, Via del Consolato, Roma.

Undisclosed Stories, a cura di Davide Sarchioni, Maria Concetta Monaci in collaborazione con Dimitri Angelini, Palazzo Collacchioni, Capalbio (GR).

Tensione mimetica, a cura di Davide Sarchioni, Palazzo Petrangeli Papini, Bagnoregio (VT).

Premio Fornovecchino, a cura di Davide Sarchioni, Casa studio di Thomas Lange e Mutsuo Hirano, Castel Giorgio (TR).

Forever never comes, a cura di Lapo Simeoni, area archeologica di Roselle, Grosseto.

Oracolo, a cura di Nevalon Festival, Montalcino (SI).

Nature Specific, a cura di Samantha Passaniti, Az.arg. La Selva, Magliano in toscana (GR).

Rainbow Catchers, Studi Festival, Milano.

Made in Forte, a cura di Davide Sarchioni e Beatrice Audrito, Forte dei Marmi (LU).

2016

TU35/2016 Centro Pecci, Officine Giovani, Prato

Nevalon festival, Montalcino (SI).

Resilience, a cura di Davide Sarchioni, Fortezza di Montalcino, Montalcino (SI).

PhC, Capalbio fotografia, a cura di Dimitri Angelini, Associazione Culturale Il Frantoio, Capalbio (GR).

 

2015

TU35 – geografie dell'arte emergente in Toscana, a cura di Pietro Gaglianó e Alessandra Poggianti, Officina giovani, Prato.

Translatio, La Cittá Visibile, Ex Fonderia Leopoldina, Follonica (GR).

How to disappear completely, a cura di Camilla Martinelli, Milano.

2014

Sublimazione Inversa, Chiesa dei Bigi, Grosseto

Terravecchia, a cura di Davide Sarchioni, Comune di Frasso Telesino (BN).

2012

Seconda edizione M-A-M, Sale della resistenza, Palazzo Medici Riccardi, Firenze.

2011

M-A-M, Maestri - allievi - maestri, casa natale di Giotto - Vicchio del Mugello (FI).

StArt Point: Accademia in mostra, Museo degli Innocenti, Firenze.

2010

La nuova era - Palagio, Certaldo (FI).

 

RESIDENZE

2016

Bocs Cosenza, a cura di Alberto Dambruoso, Cosenza

2015

Fuori!, Kunstwerkstatt Marzahn, Berlino.

2014

Primal energy, Ansedonia (GR).

2010

M-A-M Maestri-Allievi-Maestri, Vicchio del Mugello/Firenze (con Enzo Cucchi), Regione Toscana, Accademia di Belle Arti di Firenze.

 

PUBBLICAZIONI

2017

BoCs Art Residenze d’artista 2015/2016, a cura di Alberto Dambruoso e Annalisa Ferraro, Manfredi edizioni.

Capalbio Contemporary Art, undisclosed Stories, a cura di Davide Sarchioni e Maria Concetta Monaci, Comune di Capalbio.

Forever Never Comes, a cura di Lapo Simeoni, MAAM, Museo Archeologico e d'Arte della Maremma.

2016

La fine del mondo, a cura di Fabio Cavallucci, Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci.

2012

Maestri-allievi-maestri, a cura di Cristian Biasci, Assessorato alla cultura della Provincia di Firenze.

2010

StArt Point, a cura di Gianni Pozzi, Susanna Ragionieri, Laura Vecere, Accademia di Belle Arti

© Fondazione Luca & Katia Tomassini 2019 - Tutti i diritti riservati

Legacy & Privacy

logo_FKLT_white.png
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey LinkedIn Icon